Danone sposta il 50% degli investimenti sulla Borsa della Pubblicità (puoi permetterti di esserne fuori?)

By | febbraio 6, 2015

Screenshot 2015-02-06 18.53.21
Danone ha appena comunicato, tramite il suo Connection Marketing Manager Valeria Surico, che quest’anno ben il 50% degli investimenti online passerà per la Borsa della Pubblicità.

A te i soldi fanno schifo, vero? E allora perché non sei un Editore Quotato?

Facciamo parlare i dati:

  • nel 2014, nel mondo circa 9 miliardi di dollari sono stati spesi nella Borsa della Pubblicità.
  • Parliamo del 2% di tutto l’advertising globale a prescindere dei mezzi, del 10% della pubblicità su Internet, del 20% della pubblicità online tramite banner.

In Italia la Borsa della Pubblicità è partita in ritardo, ma sta recuperando posizioni con una velocità quasi mai vista nel nostro Paese.

Pensa che  l’associazione di settore IAB ITALIA ha creato un tavolo con il Politecnico di Milano unicamente per stimare questo fenomeno:

  • nel 2014, la Borsa della Pubblicità ha cubato oltre 110 milioni di euro, raggiungendo il 10% del totale della spesa tramite banner
  • con una crescita del 120% rispetto al 2013
  • e con una crescita prevista per il 2015 “a tripla cifra” (come dichiara Michele Marzan, vice presidente IAB).

Non è una sorpresa che DANONE, importante big spender, abbia deciso per il 2015 di destinare alla Borsa della Pubblicità  ben il 50% dei totali investimenti on-line. Valeria Surico, connection marketing manager di Danone, ha dichiarato alla rivista Programmatic Italia il ruolo fondamentale del Programmatic per ottimizzare gli sforzi, dare alle  campagne una buona viewability e raggiungere ottimi risultati di performance.

Tre domande per te:

  • Qualcuno dei tuoi gloriosi, internazionali, blasonati “partner” pubblicitari ti ha mai parlato della Borsa della Pubblicità? (o del “Programmatic”, come lo chiamano gli addetti ai lavori)
  • Sei quotato nella Borsa Della Pubblicità?
  • In un mercato a investimenti invariati o calanti, questo significa che sempre meno soldi vanno nei canali tradizionali di pubblicità online dei tuoi partner… Vuoi  cavalcare l’onda o esserne travolto?

Amico mio, scegli bene le tue compagnie. Solo pochi potranno fare surf con noi.